Porto San Giorgio (FM) – Blocco Studentesco contesta Beppe Grillo

BLOCCO STUDENTESCO CONTESTA BEPPE GRILLO

Porto San Giorgio, 9 Febbraio – Anche a Porto San Giorgio, come già in tante altre città d’Italia, il Blocco Studentesco ha contestato Beppe Grillo, presente al PalaSavelli per l’ultima tappa della sua tournee, distribuendo volantini agli spettatori.
“Abbiamo voluto informare i tanti spettatori paganti” sostiene l’associazione studentesca di CasaPound Marche “che il personaggio presente ieri sera al PalaSavelli si è macchiato di un gravissimo comportamento tanto infame quanto pericoloso nei confronti dei ragazzi del Blocco Studentesco dopo i fatti di Piazza Navona, additando due di loro come agenti infiltrati della Digos che avevano lo scopo di fomentare la protesta. Nonostante la verità sia venuta a galla lo showman ligure, a cui evidentemente sta molto più a cuore la considerazione della ‘canea’ antifascista piuttosto che l’onestà intellettuale, non ha rimosso dal suo sito le accuse nei confronti dei nostri due militanti che, ricordiamolo, sono due ragazzi di circa venti anni. Nè tantomeno ha chiesto loro scusa, dimostrando che l’educazione così come l’amore per la verità non sono affatto di casa nel suo sito internet.
Abbiamo così voluto ricordare al non così libero contestatore Grillo che non si scherza sulla pelle di due ragazzi esponendoli alla pericolosissima pubblica infamia solo sulla base di deliranti intuizioni personali, rivelatesi poi inevitabilmente false”.
Ad attendere il comico genovese dopo lo spettacolo anche uno striscione con scritto “Grillo pinocchio”.

n1594885315_112573_1553

volantinogrillointernet

Ecco l’articolo del Corriere Adriatico:

Grillo conquista il Palasavelli

In 2.500 ad ascoltare il comico. Che cita Lapedona e la centrale a biomasse

Ironia, sarcasmo, denunce sociali ed ambientali, con un fragoroso invito a ricorrere alla rete per eliminare intermediari, con un invito a ricorrere alle energie rinnovabili, fino a prefigurare un futuro inquietante per la città: sommersa dal mare a causa dello scioglimento dei ghiacci.

Questo lo spettacolo di Beppe Grillo che lunedì sera, al PalaSavelli, ha ammaliato le quasi 2.500 persone che hanno seguito il comico in ogni suo passo. Ma non sono mancate le contestazioni. Grillo ha svariato dalla politica internazionale alle spinose questioni locali, su tutte quella della centrale a biomasse che dovrebbe sorgere nel fermano. Durante lo show, durato circa due ore, il comico genovese ha presentato anche una sua lista civica “a cinque stelle” che si presenterà nelle prossime tornate elettorali. Poi la testimonianza di un cittadino di Lapedona che è stato querelato dalla sua amministrazione comunale in merito ad una delicata questione urbanistica. Il comico non molla la presa sulla centrale a biomasse perché, a suo avviso, comporterebbe uno sperpero di energia maggiore rispetto a quella che si produrrebbe. Senza parlare di inquinamento. Secondo i “grillini” del fermano, operosi collaboratori del comico, infatti, le biomasse porterebbero all’emissione nel cielo fermano di nano particelle, dannosissime per la salute dell’uomo. E proprio sul suo blog, Grillo fa sapere ai cittadini che: “Molti mi hanno chiesto di fare un partito. Ma il partito siete voi. E’ dai cittadini che deve partire il cambiamento. Io metto a disposizione il blog e la mia immagine, voi, se volete, il vostro impegno. Per ogni consigliere comunale eletto nelle liste civiche a cinque stelle ci sarà un rappresentante dei cittadini che potrà entrare nel merito dei bandi, degli investimenti, delle collusioni e informare con un video, un articolo pubblicato in rete”. Ma non è mancato anche chi ha voluto contestare Grillo: anche a Porto San Giorgio, come già in altre città d’Italia, il Blocco Studentesco ha contestato il comico, distribuendo volantini agli spettatori. Abbiamo voluto informare i tanti spettatori paganti – sostiene l’associazione studentesca di CasaPound Marche – che il personaggio si è macchiato di un gravissimo comportamento tanto infame quanto pericoloso nei confronti dei ragazzi del Blocco dopo i fatti di piazza Navona, additando due di loro come agenti infiltrati della Digos che avevano lo scopo di fomentare la protesta. Lo showman ligure, a cui evidentemente sta molto più a cuore la considerazione della ‘canea’ antifascista piuttosto che l’onestà intellettuale, non ha rimosso dal suo sito le accuse nei confronti dei nostri due militanti, due ragazzi di circa venti anni, nè ha chiesto scusa, dimostrando che l’educazione così come l’amore per la verità non sono affatto di casa nel suo sito Internet. Abbiamo voluto ricordare che non si scherza sulla pelle di due ragazzi esponendoli alla pericolosa pubblica infamia solo sulla base di intuizioni personali, rivelatesi poi false. Ad attendere il comico genovese dopo lo spettacolo anche uno striscione con scritto Grillo pinocchio.

GIORGIO FEDELI

Fonte:    http://www.corriereadriatico.it/articolo.aspx?varget=E8E0BD0D3E1C276663716439F87E40C5

Annunci
Explore posts in the same categories: Uncategorized

Tag: , , , , , , , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: