Archive for the ‘Uncategorized’ category

Foibe: Partecipata Fiaccolata attraversa il centro di Ascoli

febbraio 26, 2012

Successo per il corteo annuale organizzato da Casa Pound Italia Marche e Blocco Studentesco

Ascoli Piceno – Si è svolta ieri, Sabato 25 Febbraio, la “Fiaccolata del Ricordo” per i Martiri delle Foibe indetta da CasaPound Marche e inizialmente prevista per l’11 Febbraio, quando le abbondanti nevicate impedirono la manifestazione.

 

Un corteo silenzioso e marziale, che ha visto la partecipazione di quasi 200 persone, si è snodato per le vie di Ascoli Piceno partendo dalla Stazione Ferroviaria per giungere a Piazza Del Popolo dove una suggestiva fumogenata tricolore ha chiuso l’iniziativa.

 

Alla fiaccolata hanno preso parte anche il Blocco Studentesco, La Destra e la Giovane Italia, tutti dietro ad un unico striscione che recitava: “FOIBE: PAGINE STRAPPATE DI UN LIBRO MAI SCRITTO” che apriva il corteo seguito dalle bandiere di Istria, Fiume e Dalmazia e decine di tricolori che insieme alle torce luminose creavano un’atmosfera emozionante.

 

“C’è una parte di Italia e delle Marche in particolare – afferma Giorgio Ferretti, responsabile regionale di CasaPound – che non vuole dimenticare la tragedia delle Foibe. Dopo anni di oblio e di minimizzazioni di un genocidio che costò la vita a decine di migliaia di italiani, impegnarsi per tenere viva la memoria di quei fatti è un dovere. Purtroppo, però, a quasi otto anni dalla legge che ha istituito il giorno del ricordo, assistiamo a una nuova ondata di negazionismo strisciante, che trova breccia nell’insipienza, quando non nella vera e propria complicità, delle istituzioni”.

“Non è il caso di Ascoli per fortuna – continua Ferretti – dove l’amministrazione inaugurerà una Piazza per i Martiri delle Foibe e soprattutto dove circa 200 giovani e meno giovani sono in piazza con le proprie fiaccole per tenere vivo il ricordo di una tragedia per troppo tempo taciuta da chi ci ha governato e che qualcuno vorrebbe colpevolmente dimenticare. E’ un segnale molto importante.”

 

Diversi anche i rappresentanti politici che non sono voluti mancare alla manifestazione, tra gli altri: Giulio Natali (consigliere regionale), Mirko Petracci e Marco Fioravanti (consiglieri comunali).

Dopo la fiaccolata, i militanti di CasaPound Italia hanno deposto un mazzo di fiori al Monumento ai Caduti di Piazza Roma per concludere un’intensa giornata di impegno e sentito ricordo.

 

Ufficio stampa e propaganda

CasaPound Italia – Marche

Annunci

Anche quest’anno il Blocco Studentesco ricorda i martiri delle Foibe

febbraio 24, 2012

Fermo, 24 Febbraio – Si conclude il ciclo di iniziative che anche quest’anno i militanti fermani del Blocco Studentesco hanno voluto organizzare per ricordare le vittime delle foibe, una tragica pagina della nostra storia troppo spesso dimenticata. Sono stati organizzati numerosi volantinaggi davanti alle scuole fermane, come il Liceo Classico “A. Caro” o il Liceo Scientifico “T. C. Onesti”, per informare e sensibilizzare gli studenti. “Non possiamo accettare che la nostra generazione sia disinformata su una tragedia come quella delle foibe – dichiara Gianfilippo Venanzi, responsabile locale del movimento studentesco di Casa Pound Italia – e non siamo disposti nemmeno ad accettare lezioni da parte di alcuni professori e presidi che, durante i nostri volantinaggi o durante le nostre iniziative, minimizzano gli avvenimenti accaduti dopo il ’43 sulle sponde orientali del Mar Adriatico”. “Per combattere l’indifferenza e il pericoloso oblio che ancora avvolgono quei drammatici eventi – continua Venanzi – abbiamo incrementato le attività rispetto agli anni precedenti con volantinaggi e campagne di informazione, organizzando una conferenza con la Consulta Provinciale degli Studenti di Fermo, in cui abbiamo la presidenza e due consiglieri”.Il ciclo di iniziative organizzato dal movimento studentesco si concluderà questo sabato ad Ascoli Piceno, dove si terrà la fiaccolata organizzata ogni anno da CasaPound Italia Marche. “Invitiamo tutti a partecipare al corteo ad Ascoli – conclude il portavoce locale del movimento studentesco- che vedrà centinaia di persone, animate da un forte principio di giustizia nei confronti delle brutalità subite dai nostri compatrioti infoibati e dagli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia, sfilare per le vie del centro”.

Università: Blocco studentesco in piazza a Verona, cariche della polizia ma la manifestazione è proseguita

febbraio 22, 2012

Università: Blocco studentesco in piazza a Verona, cariche della polizia ma la manifestazione è proseguita.

Verona, 20 febbraio – Mani alzate e tesserini alla mano chiedevano di entrare al Polo Zanotto dell’Università di Verona dove il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, teneva la sua lectio magistralis in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico, ma sono stati bloccati e caricati dalle forze dell’ordine i militanti del Blocco studentesco, l’organizzazione studentesca di CasaPound Italia che oggi era in piazza nella città scaligera per un corteo con sit in regolarmente autorizzato.

‘’I circa 200 studenti, che hanno sfilato senza incidenti da piazza Pradaval al Polo Zanotto per manifestare contro un governo di  ‘baroni’ al servizio di banche e poteri forti, avrebbero voluto pacificamente esprimere il loro dissenso rispetto a chi, come Profumo e l’intero governo Monti, vorrebbe che nelle universita’ italiane si affermasse una logica di liberismo sfrenato ispirata al modello anglosassone, con atenei di serie ‘a’ privati o dai costi proibitivi e atenei di serie ‘b’, incapaci di garantire un’istruzione di qualita’ e destinate agli ‘sfigati’ – spiega il responsabile nazionale del Blocco Studentesco Universita’, Davide Di Stefano – Purtroppo non è stato possibile, perché le forze dell’ordine, nonostante avessimo chiesto di entrare da semplici studenti universitari, senza bandiere e con i nostri tesserini alla mano, ce lo hanno impedito a colpi di manganellate e con un’azione repressiva del tutto fuori misura’’.

‘’Dalla piazza dell’università comunque noi non ci muoviamo – aggiunge il responsabile per il Veneto del Blocco Studentesco, Alessandro Gandini – Siamo qui per  ricordare a questo governo non eletto da nessuno e voluto dalla speculazione finanziaria, che in Italia c’e’ chi non e’ disposto a rinunciare alla propria sovranita’ nazionale per ‘rassicurare i mercati’, cedere al ricatto delle agenzie di rating e rispondere alle imposizioni della Bce. Alla favola del governo dei ‘bravi professori disinteressati’ e dei sacrifici ‘medicina amara ma necessaria’ non ci crediamo. L’universita’ non deve essere un privilegio, ma pubblica, di qualita’ e accessibile a tutti’, e battersi per questo per noi e’ un dovere”.

info: Davide Di Stefano 3483009305

http://www.bloccostudentesco.org

http://www.casapounditalia.org

http://www.radiobandieranera.org

Blocco Studentesco: Il 20 febbraio in piazza a Verona per dire no a governo di baroni e poteri forti

febbraio 22, 2012

Verona 16 febbraio – “Il 20 febbraio saremo in piazza a Verona per manifestare contro questo governo composto da ‘baroni’ e al servizio di banche e poteri forti, per ribadire al ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, che l’Italia non è in vendita e che l’università non deve essere un privilegio, ma pubblica, di qualità e accessibile a tutti”. Lo annuncia in una nota il responsabile per il Veneto del Blocco Studentesco, Alessandro Gandini. “L’appuntamento per il corteo è in piazza Pradaval per le ore 8 – aggiunge Gandini – e si concluderà al Polo Zanotto dell’università di Verona, dove il ministro Profumo terrà la sua “lectio magistralis” in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico”.

“Sarà l’occasione per ricordare a questo governo non eletto da nessuno e voluto dalla speculazione finanziaria, che in Italia c’è chi non è disposto a rinunciare alla propria sovranità nazionale per ‘rassicurare i mercati’, cedere al ricatto delle agenzie di rating e rispondere alle imposizioni della Bce – spiega il responsabile nazionale del Blocco Studentesco Università, Davide Di Stefano -. Alla favola del governo dei ‘bravi professori disinteressati’ e dei sacrifici ‘medicina amara ma necessaria’ non ci crediamo. Non possiamo crederci quando ad essere attaccati sono il mondo del lavoro, le pensioni e il principio stesso dello stato sociale, mentre viene concessa copertura finanziaria illimitata per le banche e vengono regalati 2,5 mld di euro a Morgan Stanley. Non possiamo crederci quando i ministri di un governo esaltano la precarietà del lavoro ma assicurano ai propri figli posti fissi e ben remunerati”.

“Anche per gli atenei – prosegue l’esponente del Blocco Studentesco – non permetteremo che ad affermarsi sia una logica di liberismo sfrenato e ispirata al modello anglosassone, con università di serie ‘a’ private o dai costi proibitivi, con studenti costretti ad indebitarsi per una vita magari con un bel prestito d’onore concesso da Unicredit, e università di serie ‘b’, ‘circoli ricreativi di secondo livello’ incapaci di garantire un’istruzione di qualità e destinate agli ‘sfigati’”. “Il disegno politico è chiaro – conclude Di Stefano -. e il popolo italiano così come quello greco lo sta vivendo sulla propria pelle: fare dell’Europa una colonia dei mercati. Opporsi a tutto questo per noi è semplicemente un dovere”.

Fermo – Emergenza neve, i ragazzi del Blocco Studentesco scendono in strada

febbraio 15, 2012

Questi giorni, per fronteggiare l’emergenza neve, i militanti del Blocco Studentesco sono scesi in strada, a Montegranaro e a Fermo, al fianco della “Salamandra” (gruppo di protezione civile di Casa Pound Italia) per spalare le strade e i marciapiedi dalla neve.
Qui sotto troverete le foto del nostro operato.
SIAMO QUELLO CHE FACCIAMO!

A lavoro davanti l’ospedale Murri di Fermo.

Marciapiede di fronte all’ingresso dell’ospedale reso percorribile.

Vicolo di passaggio del centro storico di Montegranaro.

Vicolo del centro storico reso agibile.

LIBERTA’ PER ZIPPO!

dicembre 3, 2011

Sosteniamo Zippo mandandogli una cartolina. Un gesto semplice ma che in questo momento assume un valore assoluto. L’indirizzo è questo: Alberto Palladino c/ casa circondariale Regina Coeli, via della Lungara 29 00165 Roma

IL LORO ODIO E LA LORO INFAMIA CI FANNO UN BAFFO!

Stop al CARO-LIBRI !

novembre 28, 2011

Parte la campagna di volantinaggi contro il caro-libri. E non finisce qui…
Ci si vede davanti le migliori scuole del fermano!

p.s. il volantino è stato stampato prima delle dimissioni di Berlusconi, quindi c’è un piccolo errore sul contenuto per quanto riguarda la presa di posizione del ministro Gelmini. Non fare il pignolo con noi!